Comune di Castelfranco Emilia - piazza della Vittoria 8 - 41013 Castelfranco Emilia (MO) - Call Center 059 959 211
Benvenuto nel nel portale della Città di Castelfranco Emilia - clicca per andare alla home page Benvenuto nel nel portale della Città di Castelfranco Emilia - clicca per andare alla home page
motore di ricerca

dettaglio della notizia

Questa è la pagina di approfondimento della notizia che hai scelto.

Report n°50 del 18/04/2020 - Coronavirus

notizia pubblicata in data : sabato 18 aprile 2020

Report n°50 - Coronavirus

 

Per fornire la corretta informazione ai cittadini sull’evolversi dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 (Coronavirus), riassumiamo le comunicazioni diffuse in data odierna: 

 

1.      Aggiornamento sui casi di contagio accertati nel territorio comunale

Oggi si registra 1 nuovo caso positivo, quindi i casi complessivamente positivi sul territorio di Castelfranco Emilia, da inizio emergenza, sono pari a 115.

Registriamo 1 nuovo paziente guarito, con doppio tampone negativo: i guariti complessivamente sono pari a 22.

Nessun decesso: le vittime da inizio emergenza sono 12.

 

La situazione rimane in evoluzione.

Allegati al report i grafici con i trend dei dati del territorio di Castelfranco Emilia.

 

Ricordiamo le raccomandazioni che ripetiamo da giorni: attenersi ai provvedimenti emessi dagli Enti competenti ed alle norme di tutela per la salute propria ed altrui:

·         Limitate tutti gli spostamenti allo stretto necessario e solo nei casi espressamente previsti

·         Evitate sempre assembramenti di persone

·         Adottate i comportamenti individuali di protezione (lavaggio mani, distanze dagli altri ecc..:)

·         Per acquisti valutate negozi all'interno del vostro Comune

 

2.      Operazione di messa in sicurezza area interessata a rinvenimento di esplosivi

Si sono concluse le operazioni di rimozione degli esplosivi rinvenuti nella zona di Madonna della Provvidenza.

Grazie a tutti quelli che hanno contribuito alla buona riuscita dell'intervento, ai volontari e al personale delle Forze dell'ordine e dell'esercito che hanno garantito la sicurezza dell'area e dei residenti.

 

3.      25 Aprile - Esponiamo il tricolore alle nostre case

Il VERDE, il BIANCO e il ROSSO: quanti oggetti abbiamo in casa con i colori della nostra bandiera?
Allora UNIAMOLI, CREIAMO un TRICOLORE con il materiale che troviamo, scattiamo una foto e postiamola sulla pagina facebook della Città di Castelfranco Emilia oppure inviamola al servizio cultura scrivendo  #20diresistenza #ilmiotricolore.


E il 25 aprile esponiamo il nostro tricolore alle nostre finestre, ai nostri balconi e ai cancelli delle nostre case: una sfilata ideale per le vie della città, uniti dai colori della nostra bandiera anche se separati, riscoprendo le radici dalle quali alzarsi in volo per abbracciare un orizzonte di liberazione.

 

https://www.facebook.com/Comune-di-Castelfranco-Emilia-619915231441866

cultura@comune.castelfranco-emilia.mo.it

 

Riportiamo le informazioni ancora utili, comunicate nei report dei giorni scorsi:

 

4.      Distribuzione dei dispositivi di sicurezza individuale

Nei giorni scorsi, la Regione Emilia-Romagna ha comunicato e provveduto alla distribuzione presso i centri unificati di protezione civile di 3 milioni di mascherine. I dispositivi, successivamente, sono stati consegnati ai Comuni, con una distribuzione proporzionale al numero di abitanti.

Alcuni dati:

·         Gli abitanti della Regione sono oltre 4 milioni.

·         Al Comune di Castelfranco Emilia sono state consegnate 14.000 mascherine

·         Il Comune ha acquistato autonomamente e distribuirà ai cittadini altre 2000 mascherine, per un totale di 16.000 mascherine, per una popolazione di oltre 33.000 abitanti.

Nella giornata di mercoledì 8 aprile, grazie alla collaborazione dei consiglieri comunali, le mascherine sono state imbustate e preparate per la consegna.

Sarà distribuita una mascherina a testa, con una copertura di quasi il 50% della popolazione.

Come negli altri Comuni della Regione, si stanno seguendo delle linee guida per i criteri di distribuzione, a tutela principalmente dei soggetti più fragili ed esposti alle conseguenze del contagio, procedendo con la consegna prioritariamente a:

·         le persone in isolamento domiciliare seguite dalla sorveglianza sanitaria

·         le persone over 65

·         le persone Assistite dai Servizi Sociali (distribuzione a domicilio o attraverso il Servizio Socio Sanitario)

·         le famiglie con persone disabili

·         le  famiglie con malati cronici e oncologici

·         le persone over 55

 

Le consegne vengono effettuate a domicilio a cura di:

·         Volontari della Protezione Civile della Città di Castelfranco Emilia

·         Scout dell'AGESCI

·         Volontari della Sicurezza (Associazione Nazionale dei Pensionati della Polizia Penitenziaria)

·         Associazione Culturale Islamica di Castelfranco Emilia

 

Tutti i volontari indosseranno la divisa e saranno facilmente riconoscibili

Per ogni dubbio e/o controllo potete telefonare al 059.959.316

In caso di situazioni sospette chiamate il 112 o il numero delle Emergenze della Polizia Locale 348.80.03.886

 

Indicazioni per i cittadini che ricevono le mascherine

Ricordiamo ancora una volta che occorre continuare a rispettare le indicazioni di prudenza e corretto comportamento: mantenere le distanze e gli altri suggerimenti forniti fin dai primi giorni.

La mascherina consegnata non è né un Dispositivo Medico né un Dispositivo di Protezione Individuale. E’ una precauzione ulteriore per chi per vari motivi si trova a non riuscire a rispettare la distanza dalle altre persone, in particolare di protezione verso gli altri.

Modalità di vestizione:

1.      togliere ogni monile e oggetto personale

2.      praticare l’igiene delle mani con acqua e sapone o soluzione alcolica

3.      controllare l’integrità dei dispositivi; non utilizzare dispositivi non integri

4.      indossare la mascherina

Modalità di svestizione:

1.      evitare qualsiasi contatto tra la mascherina potenzialmente contaminata e il viso, le mucose o la cute

2.      rimuovere la mascherina maneggiandola dalla parte posteriore o dagli elastici

3.      praticare l’igiene delle mani con soluzioni alcolica o con acqua e sapone.

Le mascherine vanno smaltite nei rifiuti indifferenziati.

Le mascherine consegnate nascono come monouso, ma in questo contesto di emergenza, fino a quando non saranno disponibili in maggior quantità è possibile il riutilizzo, sotto determinate condizioni:

·         le mascherine non devono essere scambiate fra le persone: ognuno deve avere la sua

·         dopo l'utilizzo per alcune ore possono essere riposte / appese in luogo pulito e riutilizzate il giorno successivo (eventualmente previa disinfezione con alcool)

·         devono rimanere nel contesto domestico / familiare e non utilizzate come dispositivo nei luoghi di lavoro.

 

5.      Incentivi fiscali per erogazioni liberali

Per beneficiare degli incentivi fiscali per le erogazioni liberali è possibile richiedere una ricevuta delle donazioni in denaro per AIUTOCOVID19 effettuate al COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA inviando una e-mail a:  ufficioscuola@comune.castelfranco-emilia.mo.it

Nella e-mail si chiede di indicare:

·         Nome Cognome / Ragione Sociale

·         Indirizzo e Comune di residenza

·         Codice Fiscale se privato / Codice Fiscale e Partita Iva se Azienda

Occorre inviare in allegato copia del bonifico effettuato.


La ricevuta, non appena sarà predisposta, sarà trasmessa all’indirizzo e-mail utilizzato per la richiesta.

 

6.      Sportello Sociale – buoni spesa: aperta una seconda linea telefonica

Per rispondere alle numerose chiamate da parte dei cittadini che richiedono i buoni spesa, è stata istituita una seconda linea telefonica per informazioni e supporto alla compilazione i due numeri quindi saranno

·         059.959 225

·         059.959 203          

 

7.      I provvedimenti per i cittadini, le famiglie e le imprese

Proroga dei termini per i pagamenti di oneri, tributi e tariffe e riduzione delle rette per i servizi scolastici, delle scuole paritarie e convenzionate.

L’Amministrazione Comunale, ha assunto dei provvedimenti a sostegno dei cittadini, delle famiglie e delle imprese del Comune.

Con la Delibera di giunta n°44 del 31/03/2020, sono state approvate proroghe dei termini dei pagamenti dei tributi, delle tariffe e degli oneri comunali.

·         canone di occupazione del suolo pubblico – cosap

Il pagamento del canone di occupazione del suolo pubblico (COSAP) in scadenza il 31 marzo 2020 è prorogato al 30 giugno 2020. In caso di pagamento rateizzato, la rata in scadenza il 31 marzo 2020 è prorogata al 30 giugno 2020.

·         accertamenti dei tributi comunali sospensione rateazione

Disposta la sospensione della rateazione di tutti gli accertamenti dei tributi comunali in scadenza nel periodo che va dall’8 marzo al 30 giugno 2020. La nuova rateazione sarà automaticamente aumentata di un numero di rate pari a quelle oggetto di sospensione.

·         oneri di urbanizzazione

Proroga di 120 giorni, rispetto alla data prevista, del pagamento delle rate degli oneri di urbanizzazione, monetizzazioni .

·         servizio gestione rifiuti – hera

E’ stata data indicazione ad HERA di procedere con la fatturazione della TARIP prevedendo la proroga della scadenza della prima rata al 30 giugno 2020.

·         Rette dei servizi educativi

Differiti al 30 giugno 2020 i pagamenti delle rette emesse per i servizi educativi e scolastici  riferiti ai mesi di gennaio (nido, Refezione scuola infanzia e primaria) con scadenza 29/02/2020 e riferiti al periodo gennaio/giugno (nido, Refezione scuola infanzia e primaria, Trasporto scolastico, post scuola nidi, infanzia e primaria, pre infanzia e primaria) in scadenza 31/03/2020;

Nel caso di rateizzazione dei pagamenti dei servizi scolastici le scadenze saranno posticipate e graduate dal 30/6/2020 al 31/12/2020;

Per quanto riguarda le rette dei servizi scolastici, alla riduzione delle tariffe dei servizi erogati dal comune, già comunicata alle famiglie, si aggiunge un ulteriore provvedimento a sostegno delle famiglie, i cui figli frequentano scuole paritarie e convenzionate del territorio comunale.

Con Delibera di giunta n° 43 del 31/03/2020, infatti, si è approvata l’intesa tra il Comune e i gestori delle scuole d’infanzia convenzionate del territorio per  la riduzione delle tariffe, a causa della mancata frequenza ai sevizi legata alla chiusura delle scuole per l'emergenza epidemiologica.

8.      Pubblicato l’avviso per richiedere i buoni spesa, a partire dal 3 aprile 2020

Dal 3 Aprile, i cittadini dei Comuni dell'Unione del Sorbara (Comuni di Bastiglia, Bomporto, Castelfranco Emilia, Nonantola, Ravarino, San Cesario) possono richiedere i buoni spesa destinati alle famiglie in difficoltà economica, attraverso i fondi di emergenza erogati dalla Presidenza del Consiglio con l'Ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione Civile n. 658 del 29/03/2020.

 

Il Governo ha distribuito le risorse ai singoli Comuni per i seguenti importi:

·         Bastiglia, € 23.000 

·         Bomporto,  € 56.000 

·         Castelfranco Emilia, € 175.000 

·         Nonantola,  € 85.000 

·         Ravarino, € 33.000

·         San Cesario, €34.000

 

Il fondo straordinario di emergenza destinato ai Comuni è da impiegare nell'acquisizione di buoni spesa da utilizzare per l'acquisto di generi alimentari e medicinali presso esercizi commerciali, farmacie e parafarmacie, che saranno contenuti in un elenco suddiviso per Comune e pubblicato sia sul sito dell’Unione che da ciascun Comune sul proprio portale istituzionale.

Sul sito del Comune e dell’Unione del Sorbara è possibile scaricare il modulo per la domanda

 

Data di avvio : 3 aprile 2020

 

DOVE ACQUISIRE LA DOMANDA

La domanda redatta in forma di autocertificazione deve essere compilata su apposito modulo, predisposto in forma di autocertificazione, pubblicato sul sito dell'Unione www.unionedelsorbara.mo.it e sui siti dei Comuni di Bastiglia, Bomporto, Castelfranco Emilia, Nonantola, Ravarino, San Cesario.

E’ possibile acquisire copia cartacea della domanda presso:

 

·         Sportello sociale di Castelfranco

situato in via Circondaria sud n. 20, tel.  059.959 225

lunedì – mercoledì - venerdì dalle 8,30 alle 13,30

martedi – giovedi : dalle 8,30 alle 13,30 e dalle 14,30 alle 17,30

·         Sportello del Cittadino

per informazioni, numero  059.959 305  

e-mail:  sportello.cittadino@comune.castelfranco-emilia.mo.it

 

MODALITA' DI PRESENTAZIONE

Per i residenti nei Comuni di Castelfranco Emilia e San Cesario la domanda  potrà essere presentata tramite :

1.  PEC : unionedelsorbara@cert.unionedelsorbara.mo.it

2.  Mail : filtro.sportello.sociale@comune.castelfranco-emilia.mo.it

 

 

Per informazioni e per supporto alla compilazione i cittadini possono contattare Lo Sportello Sociale, tel. 059.959 225 nelle seguenti giornate:

§  lunedì – mercoledì - venerdì dalle 8,30 alle 13,30

§  martedi – giovedi : dalle 8,30 alle 13,30 e dalle 14,30 alle 17,30

 

3. nell’impossibilità di presentare la richiesta mediante PEC/MAIL la richiesta (per evitare contatti ravvicinati) va compilata, sottoscritta e consegnata presso la sede comunale di residenza, previo appuntamento, presso Lo Sportello Sociale, tel. 059.959 225 nelle seguenti giornate:

§  lunedì – mercoledì - venerdì dalle 8,30 alle 13,30

§  martedi – giovedi : dalle 8,30 alle 13,30 e dalle 14,30 alle 17,30

 

BENEFICIARI

Cittadini residenti nei Comuni di Bastiglia, Bomporto, Castelfranco, Nonantola, Ravarino, San Cesario  che,  a causa dell’emergenza  epidemiologica  da  virus Covid-19, si trovano nella seguente condizione :

§  privi di reddito;

§  riduzione reddituale;

§  ridotta capacità economica.

I richiedenti non devono essere percettori di altra forma di sostegno pubblico/ ammortizzatore sociale (Reddito di Solidarietà, Naspi, Indennità di mobilità , cassa integrazioni guadagni, ecc..)  

 

ENTITA’ DEL CONTRIBUTO PER FAMIGLIA

n. componenti nucleo familiare

Entità del contributo

Maggiorazioni

1 persona

€ 150,00

E’prevista una maggiorazione di 50 euro per ciascun figlio di minore età fino ad un massimo di contributo erogabile di € 450,00

2 persone

€ 200,00

3 persone

€ 250,00

4 persone e oltre

€ 300,00

 

MODALITA’ DI UTILIZZO DEL CONTRIBUTO

Il contributo riconosciuto sotto forma di buono spesa, potrà essere utilizzato esclusivamente per l’acquisto di generi alimentari e/o prodotti di prima necessità spendibili presso gli esercizi commerciali presenti nei Comuni dell’Unione che hanno aderito alla misura.

SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE

Il contributo sarà erogato in ordine di progressione e fino ad esaurimento dei fondi disponibili per ciascun Comune dell'Unione, dando priorità alle domande dei nuclei familiari privi di reddito ed in subordine ai nuclei familiari con reddito ridotto ovvero con ridotta capacità economica.

 

 

9.      Buoni spesa: l’elenco degli esercizi commerciali e delle farmacie che accettano i buoni

Pubblicato sul sito dell’Unione dei Comuni del Sorbara e sul sito del Comune di Castelfranco Emilia l’elenco degli esercizi commerciali e delle farmacie che acquistano i buoni spesa.

Ricordiamo che i buoni devono essere spesi nei negozi del proprio Comune, ad eccezioni dei rari casi in cui un prodotto non sia reperibile nei negozi del territorio comunale.

Il buono potrà essere utilizzato esclusivamente per l’acquisto di generi alimentari e prodotti di prima necessità e potrà essere utilizzato più volte, fino all’esaurimento della cifra riconosciuta al nucleo famigliare, o alla persona (in caso di persone singole).

 

10.  Raccomandazioni per le persone in isolamento domiciliare e per i familiari che li assistono

·         La persona con sospetta o accertata infezione COVID-19 deve stare lontana dagli altri familiari, se possibile, in una stanza singola ben ventilata e non deve ricevere visite.

·         Chi l’assiste deve essere in buona salute e non avere malattie che lo mettano a rischio se contagiato.

·         I membri della famiglia devono soggiornare in altre stanze o, se non è possibile, mantenere una distanza di almeno 1 metro dalla persona malata e dormire in un letto diverso.

·         Chi assiste il malato deve indossare una mascherina chirurgica accuratamente posizionata sul viso quando si trova nella stessa stanza. Se la maschera è bagnata o sporca per secrezioni è necessario sostituirla immediatamente e lavarsi le mani dopo averla rimossa.

·         Le mani vanno accuratamente lavate con acqua e sapone o con una soluzione idroalcolica dopo ogni contatto con il malato o con il suo ambiente circostante, prima e dopo aver preparato il cibo, prima di mangiare, dopo aver usato il bagno e ogni volta che le mani appaiono sporche.

·         Le mani vanno asciugate utilizzando asciugamani di carta usa e getta. Se ciò non è possibile, utilizzare asciugamani riservati e sostituirli quando sono bagnati.

·         Chi assiste il malato deve coprire la bocca e il naso quando tossisce o starnutisce utilizzando fazzoletti possibilmente monouso o il gomito piegato, quindi deve lavarsi le mani.

·         Se non si utilizzano fazzoletti monouso, lavare i fazzoletti in tessuto utilizzando sapone o normale detergente con acqua.

·         Evitare il contatto diretto con i fluidi corporei, in particolare le secrezioni orali o respiratorie, feci e urine utilizzando guanti monouso.

·         Utilizzare contenitori con apertura a pedale dotati di doppio sacchetto, posizionati all’interno della stanza del malato, per gettare guanti, fazzoletti, maschere e altri rifiuti.

·         In caso di isolamento domiciliare va sospesa la raccolta differenziata per evitare l’accumulo di materiali potenzialmente pericolosi che vanno invece eliminati nell’indifferenziato.

·         Mettere la biancheria contaminata in un sacchetto dedicato alla biancheria sporca indossando i guanti. Non agitare la biancheria sporca ed evitare il contatto diretto con pelle e indumenti.

·         Evitare di condividere con il malato spazzolini da denti, sigarette, utensili da cucina, asciugamani, biancheria da letto, ecc.

·         Pulire e disinfettare quotidianamente le superfici come comodini, reti e altri mobili della camera da letto del malato, servizi igienici e superfici dei bagni con un normale disinfettante domestico, o con prodotti a base di cloro (candeggina) alla concentrazione di 0,5% di cloro attivo oppure con alcol 70%, indossando i guanti e indumenti protettivi (es. un grembiule di plastica).

·         Utilizzare la mascherina quando si cambiano le lenzuola del letto del malato.

·         Lavare vestiti, lenzuola, asciugamani, ecc. del malato in lavatrice a 60-90°C usando un normale detersivo oppure a mano con un normale detersivo e acqua, e asciugarli accuratamente.

·         Se un membro della famiglia mostra i primi sintomi di un’infezione respiratoria acuta (febbre, tosse, mal di gola e difficoltà respiratorie), contattare il medico curante, la guardia medica o i numeri regionali.

·         Evitare il trasporto pubblico per raggiungere la struttura sanitaria designata; chiamare un’ambulanza o trasportare il malato in un’auto privata e, se possibile, aprire i finestrini del veicolo.

·         La persona malata dovrebbe indossare una mascherina chirurgica per recarsi nella struttura sanitaria e mantenere la distanza di almeno 1 metro dalle altre persone.

·         Qualsiasi superficie contaminata da secrezioni respiratorie o fluidi corporei durante il trasporto deve essere pulita e disinfettata usando un normale disinfettante domestico con prodotti a base di cloro (candeggina) alla concentrazione di 0,5% di cloro attivo oppure con alcol 70%.

Risultato
  • 3
(32 valutazioni)
Galleria immagini
Grafico 1 Grafico 2 Grafico 3
Documenti Allegati
Report n°50 del 18/04/2020 Formato pdf Scarica il documento - formato pdf - 393 Kb
Calendario eventi
<< settembre 2020 >>
L M M G V S D
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
             
area riservata
Area Riservata
Portale internet realizzato da Progetti di Impresa Srl Copyright © 2014