Comune di Castelfranco Emilia - piazza della Vittoria 8 - 41013 Castelfranco Emilia (MO) - Call Center 059 959 211
Benvenuto nel nel portale della Città di Castelfranco Emilia - clicca per andare alla home page Benvenuto nel nel portale della Città di Castelfranco Emilia - clicca per andare alla home page
motore di ricerca

Polizia Mortuaria

Sede 

Piazza della Vittoria, 8

 

Orari di apertura al pubblico 

dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12,30; per i funerali anche il sabato dalle ore 8,30 alle ore 12,00

ORARI UFFICI 

E-mail

servizi.cimiteriali@comune.castelfranco-emilia.mo.it

Telefono

059/959255 

Fax 

059/920560 

Referente Servizio esternalizzato alla ditta Attima Service con sede legale a Modena

 

Orari di apertura e chiusura dei Cimiteri:

 

I Cimiteri comunali aprono al pubblico tutto l’anno alle ore 8,00, sia nei giorni festivi che feriali, e chiudono alle 18,30 tranne nei mesi di novembre, dicembre, gennaio e febbraio in cui la chiusura è prevista per le ore 17,00.

 

Orari ricevimento dei defunti nei cimiteri comunali:

 

Il ricevimento dei defunti e i funerali vengono svolti dal lunedì al sabato, salvo festivi infrasettimanali.

Alla mattina si ricevono i defunti dalle ore 9,00 alle ore 11,00. Al  pomeriggio dalle ore 15,00 alle ore 16,00  da settembre ad aprile e dalle ore 16,00 alle ore 17,00 da Maggio ad Agosto.

 

Modalità di prenotazione funerali:

 

Le prenotazioni dei funerali devono essere fissate con l’ufficio di polizia mortuaria che risponde al n. 059/959255 nei seguenti orari: dalle  8,00 alle 13,00 dal lunedì al sabato. Nella giornata di domenica dalle ore 9,00 alle ore 12,00  sarà contattabile il Responsabile di Commessa al n. 345/6214669. Per ogni funerale occorre inviare un fax per la prenotazione al n. 059/951019.

Nei casi di ponti o doppie festività è attivo un servizio di reperibilità.

 

Limiti al diritto di seppellimento nei cimiteri comunali:

 

Nei cimiteri situati all’interno del territorio del Comune di Castelfranco Emilia, debbono essere ricevute quando non venga richiesta altra destinazione:

a)  le persone morte nel territorio del Comune, qualunque ne fosse in vita la residenza;

b)  le persone morte fuori dal Comune , ma aventi in esso, in vita, l’ultima residenza o la residenza per almeno 10  anni;

c)  le persone non residenti in vita nel Comune e morte fuori di esso, ma aventi diritto, anche per i motivi di benemerenza indicati nel presente regolamento,  al seppellimento in sepolture private o in manufatti esistenti nei cimiteri del Comune stesso;

d)  i nati morti e i prodotti del concepimento di cui all’art.7 del DPR 285/90;

e)  coloro che, seppure non residenti e non deceduti nel territorio del Comune di Castelfranco Emilia, sono legati a defunti, sepolti in un cimitero del medesimo Comune, da un rapporto di coniugio, di convivenza more uxorio ovvero di parentela fino al secondo grado in linea retta ovvero da un rapporto di parentela fino al secondo grado in linea collaterale;

f)  coloro che hanno svolto a favore del Comune di Castelfranco Emilia attività di rilevante interesse pubblico. In tal caso la decisione motivata in merito all’esistenza di un rilevante interesse pubblico spetta alla Giunta Comunale;

g)  parti anatomiche riconoscibili nei casi sopra indicati.

Non sono ammessi seppellimenti nei Cimiteri del Comune di Castelfranco Emilia al di fuori dei casi sopracitati

 

 

Criteri e modalità di assegnazione di concessioni cimiteriali:

 

Le concessioni cimiteriali vengono assegnate in presenza di defunto e solo eccezionalmente a viventi.

Nel Comune di Castelfranco Emilia i  loculi singoli sono assegnati per 30 anni, i doppi e gli ossari per 60 anni, e le tombe di famiglia per 90 anni. E’ ammesso il rinnovo alla scadenza per una sola volta.

 

Cremazione defunti:

 

L’autorizzazione alla cremazione spetta al Comune in cui è avvenuto il decesso sulla base di una manifestazione di volontà espressa in vita dal defunto. In assenza di disposizione testamentaria o di qualsiasi altra espressione di volontà da parte del defunto, la volontà deve essere manifestata dal coniuge o, in mancanza, dal parente più prossimo individuato secondo gli artt. 74 e segg. del codice civile.

 

Dispersione delle ceneri in natura o nell’area cimiteriale

 

E’ possibile disperdere le ceneri di un proprio caro ( in natura, in aree private, nell’area cimiteriale) a condizione che il defunto abbia manifestato tale volontà.  Competente ad autorizzare alla dispersione é  l’ufficiale di Stato Civile del Comune di decesso, o del Comune di  residenza anagrafica  in caso di decesso fuori dall’ Emilia Romagna. La dispersione, in ogni caso, è ammessa  unicamente nel territorio  dell’Emilia Romagna e non può avvenire nei centri abitati nel rispetto delle misure determinate dal Comune.

 

Affidamento delle ceneri al familiare:

 

E’ possibile affidare le ceneri a un proprio caro a condizione che il defunto abbia manifestato tale volontà, che abbia individuato un affidatario e che vengano rispettate le misure che il Comune ha determinato in relazione alla conservazione dell’urna. Competente ad autorizzare l’affidamento è il Comune dove le ceneri affidate verranno conservate.

 

Atti e comportamenti vietati nei cimiteri comunali:

 

Nei cimiteri comunali sono vietati i seguenti atti e/o comportamenti:

a)  fumare, consumare cibi, correre e tenere un contegno chiassoso;

b)  introdurre biciclette e veicoli di qualunque tipo, ad eccezione di quelli che servono per il trasporto di invalidi. L'introduzione di veicoli è consentita agli addetti al servizio di custodia dei cimiteri e, "a passo d'uomo", vietandone la sosta prolungata:

a.  alle Agenzia Funebri solo per il tempo necessario alla operazione di posa del feretro;

b. agli addetti ai lavori di manutenzione, istallazione ovvero di rimozione di lapidi esclusivamente per le operazioni di carico e scarico di materiale;

c)  introdurre armi o strumenti atti ad offendere;

d)  manomettere e rimuovere dalle tombe altrui fiori, piantine, ricordi ornamentali e lapidi;

e)  gettare fiori ovvero rifiuti fuori dagli appositi cesti o spazi;

f)  appendere sulle tombe indumenti od altri oggetti;

g)  accumulare neve sui tumuli e sepolture altrui;

h)  portare fuori dal cimitero qualsiasi oggetto, opera o manufatto senza la preventiva autorizzazione del Comune;

i)  calpestare, danneggiare aiuole, tappeti verdi, alberi e giardini;

j)   sedere sui tumuli, sui monumenti e in ogni sepoltura;

k)  scrivere o apportare modifiche strutturali alle lapidi o sui tumuli;

l)  collocare sui muri, sulle lapidi, sui tumuli e comunque in tutti gli spazi del cimitero (sia interni  che esterni) manifesti o volantini di qualsiasi genere;

m) disturbare in qualsiasi modo i visitatori, ed in particolare fare loro offerta di servizi, di oggetti, distribuire loro indirizzi, carte, volantini di ogni sorta. Tale divieto si estende pure al personale del cimitero ed alle imprese che svolgono attività nel cimitero, alle quali è oltremodo vietato qualsiasi forma di messaggio pubblicitario mediante targhe o iscrizioni epigrafiche;

n)  chiedere elemosina o fare questue;

o)  collocare fiori ovvero altri accessori sulle tombe o nei loculi delle arcate cimiteriali che possano costituire ingombro ovvero arrecare danno ai loculi circostanti; collocare vasi di fiori nelle gallerie o arcate o portici che siano di ingombro/intralcio al passaggio di attrezzature o persone o all’utilizzo delle apposite scale per raggiungere le lapidi agli ordini alti/superiori. La collocazione dei vasi di fiori è ammessa unicamente nel periodo della commemorazione dei defunti a decorrere dal 25 di ottobre e fino al 15 di novembre di ogni anno; nel periodo in cui cade l’anniversario della morte per i 15 giorni successivi; durante le festività pasquali (a decorrere dal terzo giorno antecedente a pasqua) e natalizie (dal 22 dicembre fino al 6 gennaio dell’anno successivo), in entrambi i casi per un periodo complessivo di 15 giorni. In ogni caso il custode del cimitero é autorizzato a collocare i vasi contenenti fiori secchi o i vasi che risultano essere di intralcio o i vasi che non sono tenuti ordinariamente puliti e che sono di ostacolo all’ordinaria pulizia negli appositi contenitori di rifiuti;

p)  collocare catenelle nei portici a separazione delle arcate/gallerie e comunque collocare negli stessi portici sedie, corone, lapidi od altri accessori;

q)  introdurre cani anche se condotti a mano od altri animali;

r)  assistere all'esumazione, estumulazione, risanamento loculi, dispersione ceneri di defunti non appartenenti alla propria famiglia;

s)  installare lapidi doppie in loculi singoli vicini dello stesso concessionario nelle strutture cimiteriali costruite o ampliate recentemente e ove si legga uniformità compositiva dei singoli ordini di loculi;

t)  installare nelle sepolture in campo dei copritomba che abbiano misure di ingombro superiore a cm 70 x 170 e non più alti di 1 metro di altezza. Nel caso di mancato rispetto di tale divieto, il Comune, previa diffida ad adempiere nei confronti degli aventi titolo ovvero nel caso di ricerca infruttuosa degli stessi, provvederà a rimuovere e smaltire il copritomba ed eventuali pavimentazioni intorno al perimetro; 

u)  applicare alle lapidi mensole che abbiano una profondità maggiore di 10 cm. Nel caso di mancato rispetto di tale divieto, il Comune, previa diffida ad adempiere nei confronti degli aventi titolo ovvero nel caso di ricerca infruttuosa degli stessi, provvederà a rimuovere la mensola  chiedendo il rimborso delle spese sostenute.

v)   Depositare rifiuti derivanti da operazioni o attività cimiteriali al di fuori degli appositi contenitori o isole ecologiche individuate dal Comune, nel rispetto della normativa in materia.

 

 

Nel caso di mancato rispetto dei divieti di cui ai punti c), h), m), v), previa contestazione dell’addebito, verrà applicata una sanzione di € 1.350,00 a carico del soggetto che ha commesso la violazione. 

 

Ordinanza sindacale volta a garantire l'ordine e il rispetto della sacralità nei cimiteri del territorio comunale di Castelfranco Emilia

 

Ordinanza sindacale in materia di Polizia mortuaria inerente le  inumazioni nel cimitero di Manzolino

 

Avviso esumazioni cimitero vecchio

 

 

 A chi rivolgersi per:

 

  • Segnalazioni relative a lampade bruciate da sostituire, nuovi allacciamenti, disdette, cambi di intestazione di contratti di utenza per l’erogazione di luce cimiteriale: 

    UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO -  TEL. 059/959216.

  • Segnalazioni relative in generale alla manutenzione dei cimiteri, sfalci, diserbi, infiltrazioni d’acqua, ecc.. :

    SETTORE LAVORI PUBBLICI TEL. 059/959210 - 059/959267.

  • Informazioni relative alla gestione delle sepolture, cremazioni, dispersioni, affidamenti ceneri, e per segnalazioni relativi alla pulizia dei cimiteri:

    UFFICIO DI POLIZIA MORTUARIA  TEL. 059/959255.

  • Presentare reclami inerenti il servizio cimiteriale:

    UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO (URP) TEL. 059/959216.

 

Normativa di riferimento:

D.p.r 285/1990; L.r. 19/2004 ; regolamento comunale di polizia mortuaria approvato con deliberazione di Consiglio comunale nr. 174 del 22/11/2006.

 

Risultato
  • 3
(3244 valutazioni)


Portale internet realizzato da Progetti di Impresa Srl Copyright © 2014